BANDO PNRR

02/01/2022 – Il nuovo decreto n. 1314, pubblicato dal MUR, disciplina il nuovo sistema per la concessione delle agevolazioni del ministero alle attività di ricerca.

Il decreto dà attuazione alla riforma, prevista nella componente “dalla ricerca all’impresa” della missione 4 del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), pensata per garantire “misure di sostegno alla ricerca e sviluppo per promuovere la semplificazione e la mobilità” e definisce, quindi, il nuovo quadro normativo di riferimento per utilizzare – attraverso l’emanazione di specifici bandi – le risorse del PNRR per la ricerca di competenza del MUR.

Il decreto, in particolare, definisce le procedure di valutazione delle domande e prevede l’attivazione, da parte del MUR, di forme di monitoraggio periodiche per valutare l’impatto e le ricadute generate dagli interventi finanziati.

15/12/2021 – È stata trasmessa dal Ministero della Salute alle Regioni il testo finale del DECRETOcon la proposta di riparto dei fondi della missione 6 Salute del PNRR, che verranno destinati alle Regioni responsabili dell’attuazione di specifiche linee progettuali.
Il testo finale dovrà essere approvato dalla Conferenza Stato-Regioni.

Le Regioni avranno tempo fino al 28 febbraio 2022 per presentare i Piani regionalial fine di sottoscrivere il Contratto Istituzionale di Sviluppo che in ogni caso dovrà essere firmato entro il 31 maggio 2022. A vigilare sarà il Ministero della Salute

È stato pubblicato sul sito del MUR il bando per la “presentazione di proposte di intervento per la creazione e il rafforzamento di Ecosistemi dell’innovazione territoriali”, previsto tra le misure di ricerca in filiera del PNRR, con un investimento di 1,3 miliardi di euro.

Attraverso questo avviso pubblico il MUR finanzia la creazione di 12 Ecosistemi dell’innovazione a livello territoriale, regionale o sovraregionale, di cui 5 nel Mezzogiorno. Gli Ecosistemi – che dovranno essere organizzati con una struttura di governance di tipo Hub & Spoke sono reti di università statali e non statali, enti pubblici di ricerca, enti pubblici territoriali, altri soggetti pubblici e privati altamente qualificati e internazionalmente riconosciuti, e intervengono su aree di specializzazione tecnologica coerenti con le vocazioni industriali e di ricerca del territorio di riferimento, promuovendo e rafforzando la collaborazione tra il sistema della ricerca, il sistema produttivo e le istituzioni territoriali.

DOMANDEdalle ore 12 del 24 gennaio e fino allo stesso orario del 24 febbraio 2022.

Sono stati pubblicati sul sito del MUR i nuovi bandi previsti per le misure di ricerca in filiera del PNRR.
Si tratta degli avvisi pubblici per “la presentazione di proposte progettuali per il rafforzamento e la creazione di Infrastrutture di ricerca” e per “la concessione di finanziamenti destinati alla realizzazione o ammodernamento di Infrastrutture tecnologiche di innovazione” e riguardano investimenti per 1,58 miliardi di euro, di cui 1,08 miliardi per le prime e 500 milioni per le seconde.
Attraverso questi due bandi, il MUR finanzia almeno 30 Infrastrutture. Con 1,08 miliardi di euro si punta a finanziare almeno 20 Infrastrutture di ricerca e, invece, con 500 milioni si realizzeranno o ammoderneranno almeno 10 Infrastrutture tecnologiche di innovazione con l’obiettivo di favorire una stretta integrazione tra imprese e mondo della ricerca e dell’innovazione.

BANDO INFRASTRUTTURE DI RICERCA: DOMANDA dalle ore 12 del 31 gennaio e fino allo stesso orario del 28 febbraio 2022.
BANDO INFRASTRUTTURE TECNOLOGICHE DI INNOVAZIONE: DOMANDA dalle ore 12 del 26 gennaio e fino allo stesso orario del 10 marzo 2022.

È stato pubblicato sul sito del ministero dell’università e della ricerca (MUR) il primo bando previsto per le misure di ricerca in filiera  del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

Si tratta dell’avviso pubblico per la presentazione di “proposte di intervento per il potenziamento di strutture di ricerca e creazione di ‘campioni nazionali’ di ricerca e sviluppo su alcune key enabling technologies” e riguarda investimenti per 1,6 miliardi di euro.

Attraverso questo bando, il MUR finanzia 5 Centri nazionali dedicati alla ricerca di frontiera relativa ad ambiti tecnologici intorno a queste tematiche:

  • Simulazioni, calcolo e analisi dei dati ad alte prestazioni
  • Tecnologie dell’Agricoltura (Agritech)
  • Sviluppo di terapia genica e farmaci con tecnologia a RNA
  • Mobilità sostenibile
  • Bio-diversità

I Centri nazionali – che dovranno essere organizzati con una struttura di governance di tipo Hub & Spoke, con l’Hub che svolgerà attività di gestione e coordinamento e gli Spoke quelle di ricerca – sono aggregazioni di università statali ed enti di ricerca vigilati dal ministero dell’università e della ricerca e possono prevedere il coinvolgimento di università non statali, altri enti pubblici di ricerca e di altri soggetti pubblici o privati, altamente qualificati che svolgono attività di ricerca.

Questi centri – per i quali si prevede un finanziamento tra 200 e 400 milioni di euro ciascuno – saranno finalizzati alla creazione e/o al rinnovamento di infrastrutture e laboratori di ricerca, alla realizzazione e allo sviluppo di programmi e attività di ricerca, a favorire la nascita e la crescita di iniziative imprenditoriali a più elevato contenuto tecnologico come start-up e spin off da ricerca, e alla valorizzazione dei risultati della ricerca.

Il bando, con tutti gli allegati, è disponibile a questo LINK

Per rimanere aggiornato, consultare il sito del MUR: LINK

SCARICA le Linee Guida per le iniziative di sistema della Missione 4: Istruzione e ricercaComponente 2: Dalla ricerca all’impresa del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza